ESERCENTI E CITTADINI IN PIAZZA IL 10 MAGGIO - Il Nuovo Corriere di Roma e del Lazio | Il Nuovo Corriere di Roma e del Lazio
Direttore responsabile Giovanni Tagliapietra

ESERCENTI E CITTADINI IN PIAZZA IL 10 MAGGIO

claudio-con-megafono-e-ciavattiniClaudio Pica, Presidente della Fiepet Confesercenti, a nome delle altre associazioni federate LUPE, ASSORISTORATORI e AEPER, annuncia la protesta dei Pubblici Esercizi di Roma per giovedì 10 maggio alle ore 10 in Piazza della Bocca della Verità.

L’Amministrazione di Roma Capitale sta conducendo, da un decennio, un attacco contro la categoria dei Pubblici Esercizi con l’emanazione dei Piani di Massima Occupabilità e con provvedimenti che hanno stravolto l’occupazione di suolo pubblico, mettendo a rischio posti di lavoro e lo sviluppo delle imprese.

Inutile aprire un dialogo con l’amministrazione capitolina, dopo gli appelli al sindaco di Roma Virginia Raggi e gli incontri con i membri della Giunta e delle Commissioni capitoline, andati a vuoto.

La categoria è esasperata. In particolare la Fiepet-Confesercenti ha chiesto invano deroghe a regolamenti sicuramente da rivedere, sicurezza e continuità di direttive e atteggiamenti; ha invocato misure decise contro l’abusivismo e il degrado che stanno mandando a fondo una categoria che riveste un ruolo di grande importanza nei delicati equilibri della capitale e danno una immagine negativa della città di Roma.

«Ma il dramma vero e proprio – dichiara in una nota Claudio Pica – resta l’occupazione suolo pubblico, una guerra tra Pubblica Amministrazione e Pubblici Esercizi che dura dal 2010 con l’adozione di provvedimenti a volte dichiarati illegittimi da sentenze del Consiglio di Stato a cui hanno fatto ricorso diversi titolari di licenza di somministrazione, decisi a ribellarsi al clima di caccia alle streghe alimentato dai media che senza approfondire hanno genericamente dato ai Pubblici Esercizi, la falsa nomea di irregolari o abusivi: come se non fossero una preziosa risorsa economica e turistica della Capitale».

Per tutti questi motivi, la categoria dalle parole passa ai fatti e giovedì 10 maggio  SCENDERA’ IN PIAZZA con la possibilità di una protesta a oltranza al grido unanime di #UnitiSiVince

email